Orto biologico

40

Sta facendo passi da gigante la diffusione di pratiche sostenibili e quanto più naturali per la cura dell’orto, del giardino e delle piante in genere. Dopo anni di uso incondizionato di prodotti chimici di grande impatto sull’ambiente e sulla salute dell’uomo, si riscoprono gli effetti benefici di sostanze naturali che fanno ripensare il modo di fare agricoltura e coltivazione.

L’orticoltura e il giardinaggio amatoriale sembrano aver recepito appieno questo richiamo ‘bio’.

Sempre più persone si stanno affacciando al mondo del verde cercando di agire nel rispetto dell’ambiente e delle specie vegetali/animali che ne fanno parte. Interesse che si espande anche al mondo delle piante ornamentali, nei confronti dei piccoli e delicati ecosistemi che ogni pianta in vaso, siepe o albero custodisce.

L’aspetto della sicurezza entra spesso in gioco, specie se i luoghi da trattare sono frequentati da bambini o animali domestici. In questo caso si tendono a privilegiare prodotti a base di sostanze naturali rispetto a quelli che contengono prodotti di sintesi.

Un effetto domino che arriva fino agli stessi professionisti del verde, ritrovandosi così a curare parchi e giardini attraverso metodi sempre più sostenibili.

La creazione di prodotti efficaci da parte di appassionati e amanti del biologicoha portato a individuare soluzioni ecologiche a basso impatto ambientale. Fra queste ricordiamo l’estratto di orticae ilbicarbonato di sodio.

L’estratto di ortica rientra tra le “sostanze di base” e viene impiegato con successo nel controllo di malattie fungine quali ilmal bianco, lamuffa grigia e laperonospora. Come insetticida naturale regola lo sviluppo degli afidi e dellaCarpocapsamentre come acaricida sono evidenti gli effetti sulRagnetto rosso.Il bicarbonato di sodio, invece, è un eccellete regolatore dell’acidità e quindi, benché indirettamente, controlla anch’esso i funghi fitopatogeni. Oltre a essere applicato sulle foglie dove esercita peraltro anche un’azione meccanica contro le varie specie fungine, trova impiego anche come correttore di acidità del suolo per un miglioramento complessivo dello stato di salute delle piante.

Prodotti comepropoliolecitina di soiainfatti, agiscono sulla pianta per migliorare le difese contropatogeni fungini come ticchiolature, oidio e tante altre patologie che danneggiano le piante e le rendono visibilmente meno apprezzate.

Altre sostanze comezeoliti, olio di lino o sapone molle aiutano la pianta a difendersi daattacchi di insetti come piralide, afidi o cocciniglie.