Il Manifesto per la difesa del verde in ambito urbano in Italia nel dopo Covid-19

207

Promosso da Il Verde Editoriale, il documento rivolto alle massime cariche istituzionali e politiche del Paese mette in evidenza fragilità e criticità del settore del verde urbano pubblico e privato e intende portare all’attenzione pubblica proposte concrete e puntuali sul tema.

Il Manifesto evidenzia la necessità di una strategia pubblica progettuale e finanziaria per il verde urbano che possa fungere da volano per investimenti locali e regionali. La proposta si articola citando elaborati e indagini relative alla pianificazione sostenibile, alla salute e al benessere dei cittadini, al ricorso alle professionalità impegnate nel settore, all’importanza della formazione.

Il paesaggio e la biodiversità italiane hanno fatto sì che in passato il nostro Paese fosse definito il “Giardino d’Europa”: un patrimonio da preservare adeguatamente, un tema in qualche modo evidenziato dall’emergenza Covid-19, sia in termini di attuale fragilità territoriale e mancanza di spazi verdi, sia in ottica futura. Secondo gli estensori del Manifesto, questa potrebbe essere l’occasione per dare una svolta “positiva” a un settore che necessita di un importante cambiamento, innanzitutto culturale, e che può diventare un elemento proattivo di crescita della società nel suo complesso.

Promosso da Il Verde Editoriale, vede la partecipazione del Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali, e di alcune delle principali associazioni di settore: Associazione Analisti Ambientali (AAA), Archeoclub d’Italia, Associazione Italiana di Architettura del Paesaggio (AIAPP), Associazione Italiana Costruttori del Verde (ASSOVERDE), Associazione Italiana Curatori di Parchi, Giardini e Orti Botanici (AICU), Associazione Italiana Direttori e Tecnici dei Pubblici Giardini (AIDTPG), Associazione Italiana per l’Ingegneria Naturalistica (AIPIN), Associazione Italiana Verde Pensile (AIVEP), Coordinamento delle Associazioni Tecnico-Scientifiche per l’Ambiente e il Paesaggio (CATAP), Green City Italia (GCI), Società Italiana di Ecologia del Paesaggio (SIEP-IALE) e Società Italiana di Geologia Ambientale (SIGEA).