Comparto floricolo: rendez-vous a Roma

60

Organizzato da Assofloro, l’incontro del 22 luglio a Roma ha dato vita a un confronto diretto tra una cinquantina di imprese del comparto floricolo (pari a ca il 60% del prodotto italiano). Temi principali, rappresentanza presso le istituzioni, andamento del mercato, rapporto con la GDO e gli altri canali di vendita, questioni tecniche, etichettatura, promozione in generale e primato delle piante in vaso fiorite ‘made in Italy’.

A tal proposito, si è parlato anche del problema legato alla concorrenza del prodotto estero, laddove sono consentiti principi attivi per interventi fitosanitari non utilizzabili nelle coltivazioni italiane per la gestione di problematiche fitosanitarie; un dato ulteriore che deve essere posto come elemento di distinzione del prodotto nostrano, più salubre rispetto ad altri.

Assofloro auspica un deciso cambio di rotta del comparto, “anche grazie ad un cambio di mentalità legato al cambio generazionale oltre a tutte le criticità che caratterizzano il settore e che sono emerse nuovamente, in modo pesante, a causa del Covid. Questo è quello che fa ben sperare rispetto al proseguimento dei lavori e al raggiungimento degli obiettivi emersi durante l’incontro”.