Colombia: l’impatto pandemico sul settore fiori

127

Nel 2020 la pandemia e l’incertezza che ne è derivata hanno interessato la floricoltura colombiana soprattutto relativamente alle spedizioni di marzo e aprile dello scorso anno, in cui è andato perso un volume significativo di merce previsto per la Festa della Mamma.

Ciò ha comportato una riduzione delle esportazioni del 25% in volume e del 20% dei ricavi rispetto al 2019 (fonte Asocolflores). Altro effetto della pandemia è stato l’aumento dei costi di produzione, motivati dall’attuazione delle misure sanitarie richieste dalle autorità.

A risentirne meno è stato il mercato delle rose, che ha registrato chiari segnali di ripresa dall’estate 2020 in poi: secondo i rilievi di Asocolflores, infatti, le esportazioni di rose (che costituiscono il 22% del totale dell’export colombiano di fiori) sono aumentate del 9,5% da gennaio a novembre 2020. Destinazioni principali: Stati Uniti con il 78%, Regno Unito (3,7%) e Giappone (3,3%).